Giardinaggio 

Utensili giardinaggio: gli attrezzi indispensabili per la manutenzione del tuo giardino

Hai deciso di dedicarti al giardinaggio e non sai ancora di quali utensili hai bisogno? Nel nostro negozio online è presente una vasta gamma di attrezzi da giardino delle migliori marche che possono fare al caso tuo. Il prato, l’orto, le piante che adornano la tua casa necessitano di manutenzione ma, per quanta passione tu possa avere, se non hai gli attrezzi da giardinaggio adeguati non puoi prendertene cura nella giusta maniera. Anche se questo lavoro qualche volta può essere semplicemente un passatempo, è opportuno comprare gli utensili necessari per renderlo più pratico, veloce ed efficace. Nel nostro shop, infatti, sono presenti i migliori utensili giardinaggio, quelli di cui non si può proprio fare a meno. Con pochissimi clic saranno nel carrello online e molto presto a casa tua!

I principali utensili per il giardinaggio: motoseghe, decespugliatori, rasaerba e utensili per la potatura

Chiunque abbia un giardino sa di non poter rinunciare ad alcuni attrezzi assolutamente indispensabili. Tra questi possiamo citare senza dubbio gli utensili per la potatura, i decespugliatori ed i rasaerba. Tutti gli utensili e i macchinari da giardinaggio hanno raggiunto livelli di usabilità e manegevolezza impensabili fino a qualche anno fa. Persino la loro forma è cambiata! Basta pensare agli attrezzi a braccio che sono sempre più anatomici, leggeri e pratici da maneggiare anche per chi non è molto esperto. Dai un’occhiata ai prodotti di ottima qualità che trovi nel nostro sito e, anche se non sei un esperto, riconoscerai sicuramente l’alta qualità che li contraddistingue!

Utensili da giardinaggio che durano a lungo: come scegliere quelli giusti e fare la dovuta manutenzione

Per una scelta ottimale gli utensili da giardinaggio devono essere di una marca conosciuta e affidabile, realizzati con materiali resistenti, affinché durino nel tempo, e avere un ottimo rapporto qualità - prezzo! Prenditi cura del tuo orto scegliendo i macchinari da giardinaggio e gli accessori migliori. Se la tua casa ha un prato molto ampio, ad esempio, è opportuno che cerchi un rasaerba altrettanto grande per evitare di faticare più del dovuto e di usurare il macchinario. Abbi cura degli attrezzi che compri perché solo così ad ogni riutilizzo saranno sempre altamente performanti! Una buona manutenzione può fare la differenza: accertati che le lame siano affilate, puliscile al termine del lavoro, rimuovi i residui di erba, terra, polvere, o qualsiasi altro detrito, custodisci l’attrezzatura in luoghi freschi e asciutti, dove non corri il rischio che si arrugginisca, presta particolare attenzione a tutti gli utensili da giardinaggio elettrici, perché sono i più delicati.

Leggi di più... >

Chiudi descrizione

  • Rasaerba
    Rasaerba

    Il rasaerba è sicuramente l’attrezzo da giardinaggio per eccellenza e del quale non si può fare a meno se si ha l’esigenza di mantenere il prato in ordine e dell’altezza che si preferisce.
    Ne esistono diversi tipi in commercio ma la scelta dell’acquirente deve essere sempre calibrata alle proprie esigenze, avendo in considerazione prima di tutto le dimensioni del proprio prato e poi le peculiarità degli attrezzi che solo i marchi migliori possono offrire, garantendone l’ottima qualità.

    Le caratteristiche dei rasaerba che vanno considerate sono:

    • Il carrello (con ruote semoventi o fisse);
    • Il tipo di trazione (manuale, parziale, robotizzata);
    • La tipologia di alimentazione (elettrica, a batteria, con motore a scoppio);
    • La presenza o meno della funzione Mulching, se ritenuta importante per il proprio lavoro.

    I rasaerba hanno un carrello semovente o fisso.

    • Il carrello semovente è caratterizzato dalla mobilità delle ruote verso destra e verso sinistra agevolando lo spostamento dell’attrezzo. Un ottimo rasaerba con carrello semovente presente nel nostro catalogo è il Dolmar PM4601S.
    • Il carrello stabile invece richiede un pochino di forza in più per svoltare lateralmente ma in compenso è molto stabile e robusto.

    Inoltre i rasaerba possono essere classificati anche in base al tipo di trazione:

    • A trazione manuale. Questo tipo di rasaerba è il più diffuso. Generalmente è costituito da un carrello sul quale poggia il motore (e il serbatoio per la benzina nel caso del modello con motore a scoppio), al di sotto del motore vi è la lama che trancia il prato ruotando, posteriormente troviamo quasi sempre il cassone che si incastra sul carrello e infine il manico con l’impugnatura (su cui è presente la frizione nei tosaerba con motore a scoppio).
    • A trazione parziale. Spesso la trazione manuale è assistita poiché il motore collegato alle ruote agevola la spinta, grazie all’utilizzo di alcune leve e comandi presenti sull’impugnatura. Questo genere di trazione è molto utile soprattutto se si ha un prato in pendenza.
    • A trazione robotizzata. La trazione robotizzata non richiede l’intervento umano se non per programmare l’altezza del taglio e altre piccole cose. Un rasaerba di questo genere è fornito di un sistema GPS per potersi spostare liberamente nel prato e per individuare gli eventuali ostacoli da aggirare, oppure è telecomandato a distanza. Ha un costo molto più alto rispetto al rasaerba a trazione manuale.

    Un’altra importante distinzione da fare per i rasaerba è in base al tipo di alimentazione:

    • elettrica,
    • a batteria,
    • a combustione interna (meglio conosciuto come motore a scoppio).

    Rasaerba elettrico

    Il rasaerba elettrico è dotato di un motore alimentato a corrente mediante un cavo abbastanza lungo per non intralciare il lavoro. Il cassone per raccogliere l’erba appena tagliata non è molto grande nel tosaerba elettrico, pertanto richiede uno svuotamento frequente. Il tagliaerba elettrico è molto maneggevole, economico, ottimo per le piccole superfici (inferiori a 200 mq), silenzioso, non prevede spese aggiuntive per acquistare il carburante e richiede poca manutenzione. Di questa categoria fanno parte due ottimi prodotti a marchio Dolmar, presenti nel nostro catalogo: PM-411C e PM 461.

    Rasaerba a batteria

    L’alimentazione del rasaerba a batteria può essere elettrica oppure a ricarica solare. Non dovendo essere alimentato con la corrente, il suo raggio d’azione può essere abbastanza ampio e il lavoro agevole, ma la batteria ha comunque un’autonomia limitata che richiede una ricarica dopo un certo tempo di utilizzo.
    Il cassone di raccolta per l’erba tosata, come nel rasaerba elettrico, è piccolo. Pertanto anche il tagliaerba a batteria è adatto per spazi limitati, è silenzioso, economico, non inquina, non richiede manutenzione.

    Nel nostro shop online puoi trovare due ottimi utensili di questa categoria: Dolmar EM 330 e Dolmar EM 370.

    Rasaerba con motore a scoppio.

    Il motore a scoppio del rasaerba richiede il pieno di carburante ma, grazie a questa caratteristica, garantisce grande potenza.
    Non essendo vincolato ad un filo o ad una batteria soggetta a scaricarsi, il rasaerba con motore a scoppio permette un lavoro su prati estesi (fino ai 500 mq circa). Questo tipo di tagliaerba richiede maggiore manutenzione, è rumoroso e inquinante rispetto all’altro tipo ma ha una potenza di gran lunga superiore; prevede inoltre un costo di acquisto leggermente più elevato ma la spesa viene ammortizzata grazie al prolungato utilizzo dell’attrezzo nel tempo.
    Il cassone di raccolta per l’erba è più capiente. Deve essere comunque svuotato di tanto in tanto, ma con meno frequenza rispetto ai rasaerba elettrici.

    Sul nostro sito sono presenti questi attrezzi di ottima qualità: Dolmar PM 411C, Dolmar PM 461, Dolmar PM 4601S.

    Funzione Mulching

    Come già accennato in precedenza, esiste una funzione del rasaerba chiamata “Mulching”. Grazie ad essa, l’erba non viene semplicemente tranciata, ma sminuzzata più volte (mediante delle lame multiple) per poter essere riutilizzata come concime del terreno o del prato. Questo meccanismo è molto vantaggioso se si ha un giardino ampio, poiché in aree di piccole dimensioni il vento o il calpestìo potrebbero portar via l’erba frantumata, non permettendo alla stessa di trasformarsi in concime.

  • Decespugliatori
    Decespugliatori

    Il decespugliatore è un attrezzo importante per la cura del giardino e dell’orto perché, a differenza del tagliaerba, riesce a falciare con molta facilità, scarpate, sterpaglie, erba e rovi, raggiungendo agevolmente le zone più impervie in prossimità di muretti, canali e altri ostacoli.
    Insomma il decespugliatore arriva laddove il tosaerba non può!

    Normalmente il corpo del decespugliatore è formato da un’asta alle cui estremità vi sono da un lato una lama con una piccola copertura di plastica (necessaria per proteggere l’utilizzatore da eventuali sassi che balzano dal terreno), dall’altro il motore e nel mezzo l’impugnatura, sulla quale si trova la leva di accensione nei decespugliatori con motore elettrico (o a batteria) e l’acceleratore in quelli con motore a scoppio.

    Decespugliatore: come scegliere quello giusto?

    Vista la sua importanza nella cura del giardino e dell’orto, quando si compra un decespugliatore non bisogna cercare il risparmio a discapito della qualità! Molto spesso è possibile coniugare qualità e convenienza, ma è necessario essere bene informati e prestare attenzione alle caratteristiche dell’utensile. Per esempio ci sono alcune marche che commercializzano prodotti di assoluta affidabilità a prezzi non esorbitanti. Tra tutte possiamo citare Makita e Dolmar.

    Prima di acquistare un decespugliatore, dunque, è opportuno:

    • Avere le idee chiare circa l’utilizzo cui è destinato. Ad esempio per tagliare quei piccoli rametti che crescono negli angoli dei muri, occorre un decespugliatore sufficientemente potente; se bisogna andare in profondità o raggiungere parti molto alte, serve un braccio lungo; per recidere piccoli arbusti, è importante comprare un decespugliatore con una struttura e una lama robusta, e così via. Spesso si tiene in considerazione solo la potenza del motore, ma è l’insieme di tutte le caratteristiche a rendere il prodotto perfetto rispetto alle proprie esigenze.
    • Fare una valutazione su chi debba utilizzare prevalentemente il decespugliatore, questo perché l’utensile deve essere adeguato alla fisicità della persona. Ad esempio se una persona è poco abituata al lavoro manuale e non ha un fisico molto prestante, è opportuno scegliere un modello più leggero (come quello a batteria) e facile da maneggiare.

    Modelli di decespugliatore

    Esistono diversi tipi di decespugliatore e molto spesso ci risulta difficile comprendere qual è quello che fa al caso nostro. Che sia con motore a scoppio o con motore elettrico, che abbia un’asta rigida o una flessibile, l’importante è comprare il decespugliatore che si adatti al meglio alle nostre esigenze.

    Se prendiamo in considerazione l’asta del decespugliatore possiamo fare una prima distinzione:

    1. Decespugliatore a braccio: più comunemente utilizzato, si compone di un’asta rigida di metallo con motore e lama alle estremità.
    2. Decespugliatore a zaino o a spalla: ha anch’esso un’asta rigida di metallo alla quale è collegata la lama, ma la parte più vicina al motore è costituita da un tubo flessibile di materiale plastico. Questo attrezzo ha un peso che supera i 7 kg e proprio per questo è stato ideato per essere portato a spalla.
    3. Decespugliatore con asta smontabile: permette di smontare la parte finale dell’asta e di aggiungere accessori differenti a seconda dell’utilizzo che se ne vuole fare. Ad esempio soffiare le foglie, tagliare bordi o zappare superficialmente il terreno.

    Vediamo invece nello specifico le caratteristiche dei diversi tipi di motore:

    • Decespugliatore con motore elettrico
      Il decespugliatore con motore elettrico possiede un cavo (elettrico appunto) che si collega ad una presa di corrente per l’alimentazione ed ha una potenza massima di 1 KW (all’incirca). Un prodotto di questo tipo, eccellente ed economico, è il DOLMAR HT7510.

    Decespugliatore a batteria
    Ha un motore elettrico anche il decespugliatore alimentato a batteria, che risulta ancora più maneggevole perché non ha bisogno di essere collegato alla corrente per poter funzionare; anche se rispetto al decespugliatore con cavo ha minore potenza.

    Il decespugliatore con motore a batteria (così come quello elettrico) non inquina, non emette vibrazioni e rumori. È l’ideale per lavori privati o di condominio in cui vigono severe regole sul rispetto del silenzio ed è ottimo per i principianti!

    In definitiva questi modelli di decespugliatore sono adatti per:

    • un utilizzo principalmente privato o hobbistico, anche perché possono funzionare solo in uno spazio limitato a causa del cavo elettrico che deve essere necessariamente collegato ad una presa, o della durata limitata della batteria;
    • togliere le sterpaglie in un giardino piccolo, anche in uno spazio condominiale (solitamente esiguo);
    • eliminare i residui di erbaccia sui gradini del cortile, sui marciapiedi intorno alla casa o sui muretti;
    • soffiare via le foglie secche 


    Decespugliatore con motore a scoppio in 2 o 4 tempi

    Il decespugliatore con motore a scoppio è sicuramente più professionale e potente rispetto al precedente, infatti viene impiegato molto nell’agricoltura, negli spazi grandi e nelle strade pubbliche, senza condizionamenti di cavi elettrici o di batterie che potrebbero non essere cariche a sufficienza per concludere un lavoro lungo. Questo genere di decespugliatore, a differenza di quello elettrico, ha un peso maggiore dovuto alle dimensioni del motore che vanno dai 15 ai 50 centimetri cubici. Si deve inoltre considerare il serbatoio per benzina e olio nei motori a 2 tempi, e un serbatoio per la sola benzina nei motori a 4 tempi. Se vuoi farti un’idea più precisa dai un’occhiata a questo fantastico MAKITA EH7500W.

    Il decespugliatore con motore a scoppio è adatto per:

    • lavorare in ampi spazi con sterpaglie difficili da sradicare;
    • recidere piccoli arbusti e rovi;
    • ripulire strade e zone scoscese;
    • raggiungere gli argini di un fosso.

    I decespugliatori con motore a scoppio sono spesso a spalla per agevolare l’utilizzatore che deve sollevarne il peso consistente, e sono quelli generalmente più impiegati dai professionisti del settore. Essendo usato per lavori lunghi e duri, questo genere di decespugliatore ha infino una struttura molto solida e all’avanguardia, soprattutto con riferimento ai materiali di costruzione.

  • Motoseghe
    Motoseghe
  • Potatori telescopici
    Potatori telescopici
  • Utensili Manuali
    Utensili Manuali
  • Tagliasiepe
    Tagliasiepe

    Cos’è il tagliasiepe? A cosa serve?

    Il tagliasiepe è un attrezzo molto utile se hai necessità di potare la tua siepe e darle una forma delineata e precisa.

    Questo utensile consta di un motore, che può essere elettrico o a scoppio, al cui fianco si trovano due impugnature (una superiore e una inferiore), da cui parte una barra e la lama con due serie di denti affilati, che si muovono con moto alternativo.

    Se hai una folta siepe in giardino, sicuramente ti sarai accorto di quanto crescano in fretta i rami e le foglie. Utilizzare un qualsiasi attrezzo manuale, come una forbice o una cesoia, non garantisce lo stesso risultato di un tagliasiepe, perfetto per rendere più leggero e agevole il tuo lavoro.
    Non è da trascurare neppure il risparmio economico sul lungo periodo. Pensa quanto ti costerebbe un giardiniere se volessi chiamarlo di frequente per pulire e svolgere la manutenzione ordinaria! Nella maggior parte dei casi comprare un tagliasiepe rappresenta la scelta più logica, così da poterlo utilizzare tutte le volte che si presenta la necessità. Esistono sul mercato ottimi prodotti a prezzi relativamente contenuti, venduti da marchi che sono sinonimo di qualità, come Makita e Dolmar.

    Sappiamo bene, però, che le persone poco esperte potrebbero avere delle difficoltà nell’individuare il tagliasiepe migliore. È per questo che abbiamo pensato di dare qualche consiglio affinché gli interessati possano scegliere con consapevolezza il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

    Le due modalità di alimentazione

    Il tagliasiepe può essere:

    • Elettrico. I watt variano tra i 600 e gli 800 circa. Questo genere di tagliasiepe è silenzioso, abbastanza leggero, ma vincolato alla presenza di una presa di corrente per poter funzionare; quindi il suo impiego è limitato per lavori piccoli e domestici.
    • Con motore a scoppio (a 2 o a 4 tempi). Il suo peso va oltre i 5 kg e la sua potenza è molto elevata rispetto agli altri due (dai 650 ai 1000 watt più o meno). Il suo impiego è sicuramente appropriato per lavori più duri e lunghi, che richiedono maggiore forza ed esperienza da parte di chi lo utilizza.

    Come scegliere il tagliasiepe perfetto

    Il tagliasiepe ha diverse caratteristiche che bisogna assolutamente tenere in considerazione al momento dell’acquisto: potenza del motore, peso dell’attrezzo (affinché la persona che lo deve adoperare riesca a sollevarlo e reggerlo facilmente), impugnatura e manegevolezza (come il Tagliasiepi elettrico Dolmar HT7510 670W barra da 75 cm), facilità nell’utilizzo.

    Pertanto la scelta perfetta va fatta valutando:

    • Il genere di lavoro da compiere: se la siepe è situata in una posizione difficile è preferibile un tagliasiepe con una lama corta, poiché assicura maggiore possibilità di inclinazione e precisione nel taglio. Quando l’esigenza è quella di effettuare un lavoro semplice e leggero, sono sufficienti tagliasiepi di circa 500 watt (come il Tagliasiepi elettrico Dolmar HT 355 e il Tagliasiepi elettrico Dolmar HT365), ma se il lavoro è più duro e richiede maggiore potenza del motore, sarà necessario un tagliasiepe che vada oltre i 600 watt (come il tagliasiepi a scoppio Makita EH7). Sottolineiamo ancora una volta: se serve per un piccolo lavoro domestico, in condominio o in luoghi dove non bisogna fare rumore, è consigliabile un tagliasiepe elettrico. Per lavori più duri, grandi e in spazi più ampi, c’è necessità di maggiore potenza ed autonomia, quindi meglio acquistare un tagliasiepe con motore a scoppio.
    • Il tipo di rami da potare: sono molto folti? Alti? Qual è il loro spessore? Di che legno si tratta? Ecco le domande giuste da farsi. Ad esempio, se il diametro dei rami da recidere è ampio o se vogliamo tagliare un piccolo arbusto, dobbiamo sicuramente comprare un tagliasiepe con una lama proporzionata a quello spessore, solida e robusta. Viceversa, per la semplice siepe di casa, magari non ancora cresciuta del tutto, basta un utensile molto più minimal.
  • Soffiatori
    Soffiatori

No products

To be determined Shipping
0,00 € Totale

Procedi con l'ordine